“Per l’ambiente non c’è tempo: rispettate l’Accordo di Parigi”

11/06/2018

Così papa Francesco si rivolge ai dirigenti delle principali imprese del settore petrolifero in udienza in Vaticano dopo un Simposio in cui si è parlato di come trovare nuove forme di energie rinnovabili.  Gli effetti del cambiamento climatico, infatti, “non sono distribuiti in modo uniforme”. “Sono i poveri a soffrire maggiormente delle devastazioni del riscaldamento globale, con le crescenti perturbazioni in campo agricolo, l’insicurezza della disponibilità d’acqua e l’esposizione a gravi eventi meteorologici. Leggi l’articolo …

Annunci

Studio sul glifosato dell’Istituto Ramazzini

05/11/2017

Alla luce dei risultati ottenuti, possiamo anticipare che il Glifosato ed il Roundup, anche a dosi ritenute sicure (ADI USA) e per un periodo espositivo relativamente breve (corrispondente all’incirca ad uno studio di tossicità a 90 giorni, cioè, in termini di età equivalente nell’uomo, dalla vita embrionale ai 18 anni di età), sono in grado di alterare alcuni parametri biologici di rilievo che riguardano soprattutto marker correlati allo sviluppo sessuale, alla genotossicità e all’alterazione della flora batterica intestinale”. Queste sono le conclusioni dopo la prima fase di studi sul Glifosato compiuto dall’Istituto Ramazzini. Vi ricordiamo che la stragrande maggioranza di contadini che ci circonda fa uso continuativo del Glifosato essendo legale. Se vuoi sostenerli per continuare questa sperimentazione leggi qui: https://glyphosatestudy.org/it/


Appello terremoto

25/08/2016

APPELLO! – Raccolta fondi terremoto
salustriA supporto di Roberto Salustri (Transition Italia) e della sua squadra che si sta sfracellando di fatica tra le macerie e che ha già esaurito tutte le scorte di materiale di primo soccorso, apriamo una raccolta fondi usando il conto di Transition Italia. Se volete dare una mano in modo direttissimo e sicuro, bonifico a:
Transition Italia – Associazione di Promozione Sociale
P.zza della Libertà, 2 – 40050 Monteveglio Bo
IBAN: IT05L 05018 02400 00000 01978 52 – BIC: CCRTIT2T84A
Banca Popolare Etica
CAUSALE: Terremoto Amatrice
Muoversi che il materiale serve subito. Grazie a chi può.


Il dogma dell’incenerimento e la realtà dei fatti

22/08/2016

inceneritoreMedicina Democratica Onlus esprime profondo sconcerto e totale disaccordo sul documento della Società Italiana di Igienisti (SItI) a supporto dell’incenerimento dei rifiuti, attraverso impianti di terza generazione, posizione condivisa anche dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS). Per approfondire questo importante argomento …


Energia per l’Italia

25/10/2015

energiaUn gruppo di docenti e ricercatori dell’Università e dei Centri di ricerca di Bologna scrive al Presidente del Consiglio, gettando un sasso nello stagno nella sostanziale indifferenza della politica nazionale rispetto ad un tema strategico come quello della pianificazione energetica. Come ricordato nell’appello “definire le linee di indirizzo per una valida Strategia Energetica Nazionale è un problema complesso, che deve essere affrontato congiuntamente da almeno cinque prospettive diverse: scientifica, economica, sociale, ambientale e culturale”. Leggi l’articolo …


Il riconoscimento del suolo

05/12/2014

definizione-suoloIl 5 dicembre, in occasione della “Giornata mondiale del suolo” verrà depositata presso la Treccani una definizione della parola, che ne specifica alcune caratteristiche, come la “non rinnovabilità”, con il fine della tutela. Prende spunto dai documenti della Commissione europea, con l’obiettivo di superare i limiti della legislazione italiana, secondo la quale sarebbero suolo anche “il territorio, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali”. Continua a leggere …


Niente più alibi per il consumo di suolo

19/11/2014

regione-toscona-zero-consumo-di-suoloFinalmente una bella notizia: la Regione Toscana ha approvato una straordinaria legge di riforma urbanistica, efficace e immediatamente operativa, che mette in mora Governo e Parlamento, e conquista di prepotenza il centro del dibattito. Mette a nudo l’ipocrisia di quanti continuano a dichiarare di condividere l’obiettivo di contenere il consumo del suolo con la stesso atteggiamento che nell’ultimo quarto di secolo è stato assunto a proposito della sostenibilità ambientale. Proclamandone universalmente e solennemente l’importanza, ma in pratica quasi sempre relegandola a una stanca, inconcludente retorica. Continua a leggere …