A Faenza “Disimballiamoci”

13/05/2018

Servizio andato in onda su Rai Parlamento. Presenta il progetto ‘Disimballiamoci’ rivolto alla riduzione dei rifiuti urbani. E’ promosso dai gruppi ambientalisti di Faenza. Tra i promotori anche Linda Maggiori


Merende dei bambini a scuola

28/01/2018

“Credo che l’autoproduzione e in genere gli stili di vita sostenibili non debbano limitarsi ai 4 muri di casa, ma diventare politica, progetti, “contaminando” le scuole e la società. Solo così i nostri figli non si sentiranno gli “zimbelli della classe”, solo spiegando loro le motivazioni profonde capiranno che questo stile di vita è qualcosa di cui non vergognarsi …” Leggi tutto l’articolo di Linda Maggiori ….


Big Cities – Berlino: Un eco-villaggio nel centro della capitale

11/11/2017

Un eco-villaggio nel centro della capitale. Il quartiere “Rundling” di Berlino rappresenta un metodo innovativo di convivenza tra diverse famiglie in una piccola comunità auto-organizzata. Video realizzato da Rai Scuola per la serie Big cities ….


Come preparare l’olio e la pomata di calendula

10/10/2017

La calendula è una vera e propria pianta officinale, viene utilizzata nella fitoterapia, soprattutto per i suoi fiori, ricca di molte proprietà, il suo fiore contiene oli essenziali pregiati. Le creme, oli e pomate alla calendula sono utili come rimedi naturali, grazie alle notevoli proprietà e anche i suoi molti utilizzi, infatti viene impiegata per le scottature solari, acne, ustioni, piaghe, ulcere della pelle, geloni, screpolature, eczema da dermatite, prurito, punture d’insetti, ferite e piccoli tagli. Leggi l’articolo ….


RUSKO – Repair Cafè Bologna

19/07/2017

Dall’intervista con Radio Città del Capo: il #RepairCafeBologna si ispira a Repair Café International e al Movimento della transizione #TransitionItaly. Il modello economico attuale ha un grave impatto ambientale e culturale, fino a qualche generazione fa la popolazione aveva capacità artigianali spiccate e conosceva bene il valore degli oggetti, sia economico che affettivo. Noi abbiamo perso questo senso di responsabilità nei confronti dell’ambiente e delle altre persone, di fatto l’oggetto che acquistiamo ha dietro di se una lunga storia che parla di contratti di lavoro, di produzioni ed estrazioni non rispettose della terra. Uno dei nostri obiettivi è dunque riprendersi a cuore il valore di quello che acquistiamo ed utilizziamo, avento piena conoscenza delle conseguenze dei nostri comportamenti. Infine, il concetto di #Resilienza è per noi cardine delle attività dell’associazione.


Repair Cafe a Bologna

22/05/2017

Repair Café International nato in nord Europa arriva a Bologna! Il primo incontro di autoriparazione sarà ospitato presso Instabile Portazza – Community Creative Hub sabato 27 maggio! Per saperne di più visita la pagina ….


Malaga: 19-22 aprile 2017 Forum Globale per la nuova economia

02/05/2017


diNatura: Casa del compost in Sicilia

26/04/2017

La Casa del Compost è stata progettata e realizzata da Naca a Ferla, piccolo borgo nell’entroterra siracusano inserito nel tra i borghi più belli d’Italia, alle porte della necropoli di Pantalica. Piccolo e ambizioso progetto, è il frutto della collaborazione tra la giovane amministrazione comunale, da anni è impegnata nella valorizzazione del proprio territorio secondo i principi della strategia Rifiuti Zero e Umido e Fermento di Danilo Pulvirenti e Marco Terranova, architetto di Naca. Per saperne di più …


Le mille facce del riuso

25/04/2017

L’architetto Emanuela Pulvirenti ha scritto questo utile manualetto “Designo del riuso”, dal chiaro sottotitolo “quando il problema diventa la soluzione”. E’ un testo di 110 pagine scaricabile gratuitamente in pdf dal sito Didatticarte.it. Contiene una bella introduzione generale in cui vengono analizzati i comportamenti vistuosi di riuso. Poi si passa a casi concreti per plastica, stoffa, vetro e cartone. Una bella occasione da non perdere. Per scaricare … 


Il riuso dei rifiuti come pratica creativa

25/04/2017

L’emergenza legata al loro smaltimento ci mette davanti ad una questione vitale: occorre un radicale cambiamento di prospettiva, iniziando a progettare secondo i criteri dell’eco-design. Occorre ripensare da capo il nostro rapporto con le cose, immaginandone una nuova vita quando avranno cessato il loro utilizzo “ufficiale”: occorre allora vedere nella “spazzatura” non un problema ma una risorsa, nell’inutilità nuove opportunità di creazione. Leggi tutto l’articolo ….