G7 Ambiente: la Carta di Bologna

09/06/2017

“L’approvazione avvenuta nel 2015 da parte delle Nazioni Unite dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile Trasformiamo il nostro mondo basata sui Sustainable Development Goals (SDGs), da raggiungere entro il 2030, ha rappresentato un evento storico. L’Agenda esprime un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, non solo sul piano ambientale, ma anche su
quello economico e sociale. L’attuazione dell’Agenda richiede un forte coinvolgimento di tutte le componenti della società, a partire dai governi locali”. inizia così la Carta di Bologna sottoscritta di sindaci di molte Città Metropolitane italiane. Leggi la notizia, oppure scarica il documento ….


Comuni e ANCI protagonisti della transizione energetica

19/05/2017

17-5-2017: “Il nostro obiettivo è quello di mettere al centro i Comuni anche rispetto alla nuova strategia energetica nazionale che il Governo ha presentato il 10 di maggio scorso perché siano protagonisti della gestione energetica sostenibile”. E’ quanto sottolineato dal delegato Anci all’energia e ai rifiuti e sindaco di Melpignano Ivan Stomeo che ha sintetizzato così l’obiettivo della proposta verso una “transizione energetica” nel corso dei lavori della Commissione ambiente che si è svolta oggi in Anci. Vai al sito …


Primo forum nazionale Economia Circolare

12/05/2017

Ambiente, economia, territorio. Fare rete al tempo dell’economia circolare”, è uno degli eventi collaterali del G7 Ambiente, che aprirà il dibattito sulla crescita sostenibile partendo dalle esperienze positive del nostro Paese. Al convegno  si alterneranno testimonianze ed esperienze che raccontano come l’economia circolare in Italia sia non solo possibile, ma già realtà ed esempio per l’Europa. Quattro le parole chiave: materiali, rete, green jobs, comunicazione.
Ovvero potenzialità ambientali, sociali ed economiche dell’economia circolare applicata al ciclo dei materiali, lavori del futuro, opportunità delle economie di rete e distributive e ruolo della comunicazione. Per saperne di più  oppure scarica il programma ….


Il valore economico degli alberi in città

17/10/2016

alberi-e-pianteIn attesa della conferenza internazionale promossa dalle Nazioni unite sul futuro dell’ambiente urbano (Habitat III , in corso da venerdì 14 ottobre a Quito, in Ecuador), sulle pagine online del britannico «The Guardian» l’approfondimento di uno dei temi che saranno protagonisti al summit, ovvero quello del valore – innanzitutto economico – degli spazi verdi nelle nostre città, e degli alberi in particolare. Tema essenziale visto che già oggi vive in un’area urbana più del 50% della popolazione mondiale. Leggi l’articolo ….


AEA: l’Italia ha il più alto numero di popolazione a rischio di alluvioni

08/02/2016

eea-report-2016Un nuovo rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente per supportare l’implementazione della Direttiva UE sulle alluvioni, evidenzia l’impatto delle alterazioni idromorfologiche sui servizi ecosistemici e sullo sviluppo economico, indicando la necessità di un approccio coordinato con le misure di adattamento ai cambiamenti climatici e di riduzione dei rischi, che dovrebbero indurre a soluzioni volte al ripristino degli ecosistemi naturali e al “rinverdimento” delle infrastrutture. Vai all’articolo …


La crescita indicata dal Pil in realtà non ci conviene

18/03/2015

pilL’economia reale include le risorse in termini di capitale naturale, cioè tutto ciò che la natura dona e non dobbiamo produrre. Se guardiamo a questa economia scopriamo che a partire dal 1997 a livello globale sono andati persi circa 20.000 miliardi di dollari l’anno in servizi agli ecosistemi non contabilizzati, una cifra superiore al Pil degli Stati Uniti. Per approfondire …


I bambini e la natura: essere un po’ selvatici è necessario

17/03/2015

bambini-naturaIn questa civiltà di asfalto imperante nell’educazione dei piccini si dimentica il rapporto con la natura. Ma se si vuole avere degli adulti non spreconi e consapevoli della necessità di trattare bene il pianeta, servirà educare i bambini ad esserlo subito. “In nome della sicurezza assoluta, gli mettiamo un guinzaglio, gli impediamo di essere l’esploratore che è e che è necessario che sia.” Leggi l’articolo …