Cento milioni di nuovi poveri a causa dei cambiamenti climatici

10/11/2015

poveri-ccDa un nuovo rapporto della Banca mondiale emerge che le crisi legate ai cambiamenti climatici – come alluvioni, carestie e ondate di calore – danneggiano soprattutto le persone più povere delle zone colpite. Altre cento milioni di persone potrebbero finire sotto la soglia di povertà entro il 2030 a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Vai all’articolo …

Annunci

Cambiamenti climatici, Juncker: a Parigi «l’Ue non firmerà un accordo qualsiasi»

11/09/2015

juncker-parigi-clima-cambiamenti-climaticiDopo la crisi dei rifugiati, quella della Grecia e dell’economia europea – «la crisi non è finita, è stata messa in pausa», il timore di un’uscita della Gran Bretagna dall’Ue e i conflitti in Ucraina, il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker ha affrontato nel suo discorso sullo Stato dell’Unione 2015 all’Europarlamento anche i cambiamenti climatici. Leggi l’articolo …


Le reti del baratto in Argentina e Grecia

20/07/2015

baratto-argentina-gracia

“Come è sopravvissuta l’Argentina alla crisi economica? “Stanno meglio adesso?” “Che cosa è successo alle acquisizioni di fabbriche?” “Milioni di persone hanno realmente partecipato alla rete di baratto? Hanno davvero inventato nuovo denaro?”. Queste sono alcune delle molte domande che mi sono state rivolte dai greci, specialmente nelle scorse settiman, collegate alla loro crisi economica e alla possibilità di auto-organizzazione e sopravvivenza. Leggi l’articolo completo ….


Made in Italy: crollo da olio a miele, prodotti razionati nel 2015

29/01/2015

oliveDal sito della Coldiretti: “Nel 2015 il rifornimento degli scaffali dei supermercati subirà alcuni cambiamenti, per effetto del crollo dei raccolti Made in Italy, con un razionamento di tutti i prodotti base della dieta mediterranea: ci sarà il 35% in meno di olio di oliva italiano, un calo del 25% per gli agrumi, del 15% per il vino e fino al 50% per il miele. L’anno appena concluso ha registrato numerosi record negativi per l’agricoltura nazionale, tra cui il minimo storico per il raccolto di castagne.” Leggi l’articolo …


Si chiama “Riemergo”: un aiuto per chi è stato messo in ginocchio dalla crisi

14/12/2014

uscire_dalla_crisiSi sono dati un nome che parla da sé, “Riemergo”, un auspicio ma anche una promessa che si fa a se stessi quando si è messi veramente alla prova. Loro sono un’associazione, nascono per dare una mano a chi fatica a trovare da solo nuovi punti di riferimento dopo, magari, aver perso il lavoro e perché travolto dalla crisi economica. Vai all’articolo … oppure visita il sito: www.riemergo.org

 


Smettiamola di preoccuparci del lavoro

30/11/2014

lavoro-preoccuparciGlobalizzazione e austerità hanno certificato che questo sistema di lavoro non ne creerà più. E non sappiamo se salutare la notizia con un grido di dolore o un urlo di gioia. Per cominciare di quale lavoro stiamo parlando? La domanda è d’obbligo perché se ci guardiamo attorno, di lavoro da fare ne vediamo a bizzeffe: edifici pubblici e privati da rimettere a posto, argini di fiumi da rinforzare, città da ripulire e buche da sistemare, bambini svantaggiati da sostenere e anziani da assistere. Articolo di Francesco Gesualdi …


Ci serve la crescita economica?

18/10/2014

serve-crescitaCi hanno venduto in maniera molto efficace la storia che la crescita infinita sia essenziale per mantenere e migliorare la nostra qualità della vita. Ma questo non potrebbe essere più lontano dalla realtà. Articolo di Warwik Smith apparso recentemente sul Guardian. Vai alla traduzione italiana ….